PARCO FAUNISTICO

COMMITTENTE: Parco Nazionale dello Stelvio

LUOGO: Peio (TN)

ANNO: 2018

TIPOLOGIA: Progetto preliminare

DESTINAZIONE: Turistica/didattica

 

L’intervento proposto mira a soddisfare alcune specifiche esigenze gestionali e di carattere didattico all’interno dell’area faunistica del Parco Nazionale dello Stelvio, in particolare quella di risolvere i problemi inerenti l’accoglienza dei numerosi visitatori.

All’interno dell’area si trovano due edifici di cui uno è adibito, a piano terra, a punto informativo con biglietteria, servizi igienici per il personale e per il pubblico, un piccolo shop e qualche pannello informativo. Ai piani superiori si trovano gli uffici della stazione forestale. L’altro edificio denominato Masetto inferiore, ed oggetto del nuovo intervento, è un piccolo maso destinato a centro visitatori con un allestimento distribuito su due piani. Si tratta di un piccolo edificio in muratura faccia a vista sviluppato su due piani, ristrutturato 15 anni fa. Ha una pianta di circa 50 mq lordi per piano ma solo 35 mq netti interni a disposizione degli allestimenti a causa della superficie occupata dal corpo scale interno e dall’elevatore meccanico. 

Il progetto ha previsto un intervento di ristrutturazione con ampliamento in sopraelevazione finalizzato alla riqualificazione interna e alla creazione di una sala polifunzionale, dotata di un nuovo ingresso direttamente dal piazzale, e di un nuovo corpo scala, realizzato sfruttando l’intercapedine esistente tra il muro di contenimento del piazzale e la parete nord del maso. Il progetto propone di intervenire con un linguaggio architettonico contemporaneo coerente con il periodo storico attuale, un linguaggio capace di coniugare le esigenze compositive e di rapportarsi ad un preciso contesto, dialogare con l’edificio adiacente, valorizzare gli affacci, gli orientamenti e rispondere alle esigenze funzionali dettate dalla destinazione oltre a limitare il consumo di territorio e di valorizzare e recuperare l’esistente. Il linguaggio utilizzato, pur proponendo il materiale principe dell’architettura spontanea del luogo, il legno di larice, rifugge dall’uso di inutili orpelli fini a sé stessi per proporre l’uso sincero del materiale. Il risultato è una reinterpretazione del “maso”. Contemporaneamente la sopraelevazione consente di creare il lato mancante del piazzale esistente contribuendo ad elevare a “luogo” questo spazio privo di identità. Diventa punto di accoglienza con una propria identità grazie anche alla presenza del nuovo accesso al masetto. 

PARCO FAUNISTICO

file
file
file
file
file
file
file
file
file
file
file
file
file
file
file
file
Lavoro successivo