EDIFICIO RURALE

EDIFICIO RURALE

 

Committente: privato

Luogo: Celledizzo di Peio

Realizzazione: 2006

Tipologia: Ristrutturazione

Destinazione: Residenziale

 

Il progetto prevede una ristrutturazione con cambio di destinazione d’uso dall’originario utilizzo agrosilvopastorale ad abitativo di carattere temporaneo. La tipologia di questo maso è semplice e compatta, composta da una massa muraria pressoché piena a piano terra e svuotata a primo piano. L’estetica che regge questo sistema di pieni e vuoti è imperniata su un asse di simmetria per ogni facciata con le aperture di stalla e fienile per lo più simmetriche all’asse medesimo. Il maso, di pianta quadrata, è stato ampliato con una lieve sopraelevazione e con un’aggiunta laterale accostata al lato nord secondo la tipologia del “bait”. Internamente è stato sostituito il solaio in latero-cemento risalente agli anni ’50, con uno in legno a travi a vista e ne è stato introdotto un altro per creare un livello soppalcato. La struttura superiore del corpo principale è costituita da pilastri e travi in legno massiccio (è previsto l’utilizzo di solo legname di recupero); il tetto ha una struttura con correnti raddoppiati in modo da ottenere un profilo della copertura sottile e manto in scandole di larice. I tamponamenti in corrispondenza dei vuoti sono stati realizzati con tavolati o listellature in legno di larice di recupero a larghezza variabile, ora fissi ora mobili. 

file
file
file
file

EDIFICIO RURALE

 

Committente: privato

Luogo: Celledizzo di Peio

Realizzazione: 2006

Tipologia: Ristrutturazione

Destinazione: Residenziale

 

Il progetto prevede una ristrutturazione con cambio di destinazione d’uso dall’originario utilizzo agrosilvopastorale ad abitativo di carattere temporaneo. La tipologia di questo maso è semplice e compatta, composta da una massa muraria pressoché piena a piano terra e svuotata a primo piano. L’estetica che regge questo sistema di pieni e vuoti è imperniata su un asse di simmetria per ogni facciata con le aperture di stalla e fienile per lo più simmetriche all’asse medesimo. Il maso, di pianta quadrata, è stato ampliato con una lieve sopraelevazione e con un’aggiunta laterale accostata al lato nord secondo la tipologia del “bait”. Internamente è stato sostituito il solaio in latero-cemento risalente agli anni ’50, con uno in legno a travi a vista e ne è stato introdotto un altro per creare un livello soppalcato. La struttura superiore del corpo principale è costituita da pilastri e travi in legno massiccio (è previsto l’utilizzo di solo legname di recupero); il tetto ha una struttura con correnti raddoppiati in modo da ottenere un profilo della copertura sottile e manto in scandole di larice. I tamponamenti in corrispondenza dei vuoti sono stati realizzati con tavolati o listellature in legno di larice di recupero a larghezza variabile, ora fissi ora mobili. 

  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
ALTRI LAVORI
  • SCUOLA MATERNA
  • RESIDENCE LAGO ROTONDO
  • TERME DI RABBI
  • RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO EX CASEIFICIO