AMPLIAMENTO CIMITERO

AMPLIAMENTO CIMITERO

 

Committente: Comune di Malé

Luogo: Malé

Realizzazione: 2012

Tipologia: Nuovo

Destinazione: Opera pubblica

 

L’intervento prevede l’ampliamento del cimitero comunale di Malè situato a sud-ovest del centro abitato, motivato dalla saturazione dell’attuale cimitero e quindi dal bisogno di creare nuovi spazi preposti alla sepoltura. Il progetto prevede un ampliamento verso ovest, speculare a quello risalente agli anni settanta a est, ricreando così una simmetria rispetto all’asse centrale dell’originario impianto, che ha inizio con il cancello d’ingresso e termine con l’imponente cappella cimiteriale. Progettare un’area cimiteriale significa definire uno spazio aperto ma nello stesso tempo significa progettare una “casa eterna” a protezione dei defunti.

La qualità dello spazio aperto propria di un cimitero non sta tanto nella qualità dei singoli elementi, quanto nella qualità dei rapporti instaurati fra gli stessi e il contesto circostante che è fatto di preesistenze, di vuoti, di visuali ecc. Lo spazio aperto va quindi trattato come uno spazio di relazione tra diversi elementi. Nel progetto proposto, gli elementi significativi sono pochi ma essenziali: le mura perimetrali che creano un rapporto particolare tra lo spazio interno e le montagne circostanti; l’edificio che con il tracciato dei muri perimetrali disegna due corti, una aperta e una più intima posta a filtro tra la camera mortuaria e lo spazio della sepoltura. Le mura perimetrali, rivestite esternamente in pietra di Luserna a spacco, sono in armonia con il contesto e con la cromia della pietra locale gneiss. Esse formano un guscio che fisicamente e simbolicamente proteggono le sepolture nei loculi in esse accolte, chiuse verso l’interno con la medesima pietra a lastra spazzolata. Verso l’esterno la struttura diventa più marcata per sottolineare la relazione con il territorio segnato per secoli dai muretti in pietra. Le mura di contenimento in cemento armato faccia a vista si configurano come un contrafforte su cui poggiano i setti che delimitano l’ampliamento, questi ultimi, rientrati di circa un metro, definiscono un camminamento/belvedere che permette di godere della vista sulla valle.

L’ampliamento ricopre un’area totale entro le mura di mq. 820 ove sono collocati il corpo servizi composto dalla nuova camera mortuaria, i servizi igienici a disposizione del pubblico, il deposito attrezzi, lo spogliatoio per il personale addetto, un campo per le inumazioni comuni, i loculi ossario e/o cinerari,un nuovo cinerario comune.

file
file
file
file
file
file
file
file
file

AMPLIAMENTO CIMITERO

 

Committente: Comune di Malé

Luogo: Malé

Realizzazione: 2012

Tipologia: Nuovo

Destinazione: Opera pubblica

 

L’intervento prevede l’ampliamento del cimitero comunale di Malè situato a sud-ovest del centro abitato, motivato dalla saturazione dell’attuale cimitero e quindi dal bisogno di creare nuovi spazi preposti alla sepoltura. Il progetto prevede un ampliamento verso ovest, speculare a quello risalente agli anni settanta a est, ricreando così una simmetria rispetto all’asse centrale dell’originario impianto, che ha inizio con il cancello d’ingresso e termine con l’imponente cappella cimiteriale. Progettare un’area cimiteriale significa definire uno spazio aperto ma nello stesso tempo significa progettare una “casa eterna” a protezione dei defunti.

La qualità dello spazio aperto propria di un cimitero non sta tanto nella qualità dei singoli elementi, quanto nella qualità dei rapporti instaurati fra gli stessi e il contesto circostante che è fatto di preesistenze, di vuoti, di visuali ecc. Lo spazio aperto va quindi trattato come uno spazio di relazione tra diversi elementi. Nel progetto proposto, gli elementi significativi sono pochi ma essenziali: le mura perimetrali che creano un rapporto particolare tra lo spazio interno e le montagne circostanti; l’edificio che con il tracciato dei muri perimetrali disegna due corti, una aperta e una più intima posta a filtro tra la camera mortuaria e lo spazio della sepoltura. Le mura perimetrali, rivestite esternamente in pietra di Luserna a spacco, sono in armonia con il contesto e con la cromia della pietra locale gneiss. Esse formano un guscio che fisicamente e simbolicamente proteggono le sepolture nei loculi in esse accolte, chiuse verso l’interno con la medesima pietra a lastra spazzolata. Verso l’esterno la struttura diventa più marcata per sottolineare la relazione con il territorio segnato per secoli dai muretti in pietra. Le mura di contenimento in cemento armato faccia a vista si configurano come un contrafforte su cui poggiano i setti che delimitano l’ampliamento, questi ultimi, rientrati di circa un metro, definiscono un camminamento/belvedere che permette di godere della vista sulla valle.

L’ampliamento ricopre un’area totale entro le mura di mq. 820 ove sono collocati il corpo servizi composto dalla nuova camera mortuaria, i servizi igienici a disposizione del pubblico, il deposito attrezzi, lo spogliatoio per il personale addetto, un campo per le inumazioni comuni, i loculi ossario e/o cinerari,un nuovo cinerario comune.

  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
ALTRI LAVORI
  • RESIDENCE LAGO ROTONDO
  • PARCO URBANO
  • CASA E
  • CASA Z