CENTRO COMMERCIALE

CENTRO COMMERCIALE

 

Committente: società Emme & Zeta srl

Luogo: Loc. Campo di Prati Comune di Zuclo

Realizzazione: 2008

Tipologia: Nuovo

Destinazione: Commerciale/Terziario

In collaborazione con: arch. Sergio Giovanazzi

 

Il nuovo insediamento si trova nel comune di Zuclo, lungo il rettifilo che, attraverso la pianura alluvionale, va da Saone fino a Bolbeno. Paesaggisticamente, la zona è caratterizzata da ampie superfici a prato, piane e collinari, intervallate da rade alberature e incorniciate da rilievi montuosi che scendono a valle con pendenza spesso notevole, ma che conferiscono ai profili più lontani un andamento ondeggiante. Il fiume, con le sue anse, divide questo territorio in settori ben definiti. Più nello specifico, il nuovo insediamento progettato si incunea in una di queste anse, definita a sud – oltre che dalla strada – da un edificio di un certo volume a destinazione mista, a ovest dal distributore di carburanti. La forma che tale situazione ha suggerito è quella di un trapezio che si avvicina al triangolo con l’ipotenusa distesa parallelamente al fiume, il cateto sud alla strada, quello est ai prati ivi esistenti. Il volume si eleva su due altezze: la parte anteriore ovest misura la sua altezza dal livello della strada statale, quella anteriore est e quella posteriore, dal livello del suolo che è di circa un piano più basso. Lo sviluppo del progetto architettonico si è basato sui precisi criteri. Copertura della parte più alta verso la strada con un tetto “ondulato” in modo da ridurre la rigidità del grande volume. L’ondulazione porta in primo piano i profili delle montagne, raccordando così la vista dell’edificio a quella del paesaggio che lo circonda. Composizione della facciata verso la strada considerando, classicamente, due campiture: la prima che comprende il piano terra e il primo piano, l’altra il sottotetto e la grande “onda” del tetto. Composizione del corpo più basso caratterizzato da un’unica campitura e definito in altezza da una leggera gronda in vetro e acciaio. La struttura portante dell’edificio è mista: murature di contenimento e pilastri sono in c.a., e orizzontamenti prefabbricati in c.a. precompresso.

La struttura della copertura è in travi lamellari di abete, realizzate con raggi di curvatura costanti e montate in modo contrapposto, il solaio ancora in abete a vista.

file
file
file
file
file
file
file
file
file

CENTRO COMMERCIALE

 

Committente: società Emme & Zeta srl

Luogo: Loc. Campo di Prati Comune di Zuclo

Realizzazione: 2008

Tipologia: Nuovo

Destinazione: Commerciale/Terziario

In collaborazione con: arch. Sergio Giovanazzi

 

Il nuovo insediamento si trova nel comune di Zuclo, lungo il rettifilo che, attraverso la pianura alluvionale, va da Saone fino a Bolbeno. Paesaggisticamente, la zona è caratterizzata da ampie superfici a prato, piane e collinari, intervallate da rade alberature e incorniciate da rilievi montuosi che scendono a valle con pendenza spesso notevole, ma che conferiscono ai profili più lontani un andamento ondeggiante. Il fiume, con le sue anse, divide questo territorio in settori ben definiti. Più nello specifico, il nuovo insediamento progettato si incunea in una di queste anse, definita a sud – oltre che dalla strada – da un edificio di un certo volume a destinazione mista, a ovest dal distributore di carburanti. La forma che tale situazione ha suggerito è quella di un trapezio che si avvicina al triangolo con l’ipotenusa distesa parallelamente al fiume, il cateto sud alla strada, quello est ai prati ivi esistenti. Il volume si eleva su due altezze: la parte anteriore ovest misura la sua altezza dal livello della strada statale, quella anteriore est e quella posteriore, dal livello del suolo che è di circa un piano più basso. Lo sviluppo del progetto architettonico si è basato sui precisi criteri. Copertura della parte più alta verso la strada con un tetto “ondulato” in modo da ridurre la rigidità del grande volume. L’ondulazione porta in primo piano i profili delle montagne, raccordando così la vista dell’edificio a quella del paesaggio che lo circonda. Composizione della facciata verso la strada considerando, classicamente, due campiture: la prima che comprende il piano terra e il primo piano, l’altra il sottotetto e la grande “onda” del tetto. Composizione del corpo più basso caratterizzato da un’unica campitura e definito in altezza da una leggera gronda in vetro e acciaio. La struttura portante dell’edificio è mista: murature di contenimento e pilastri sono in c.a., e orizzontamenti prefabbricati in c.a. precompresso.

La struttura della copertura è in travi lamellari di abete, realizzate con raggi di curvatura costanti e montate in modo contrapposto, il solaio ancora in abete a vista.

  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
  • file
ALTRI LAVORI
  • RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO EX CASEIFICIO
  • TERME DI RABBI
  • CASA Z
  • RESIDENZA DIAMANTE